• Giuseppe Politi

Lo Stato fa quadrato, in campo anche l’Antitrust

Arriva anche il rapporto di Ernst & Young su come il digitale e i nuovi stili di consumo stiano influendo sulle nostre vite. Continuano ad aumentare gli acquisti online, a causa dell’insicurezza dovuta al Covid-19 e l’economia dell’e-commerce si rafforza, un settore che potrebbe valere 50 miliardi di euro. Secondo EY, servono investimenti in formazione e cultura, e cresce anche la preoccupazione del mondo delle aziende su come potranno evolvere i consumi. Da un'analisi realizzata a settembre da EY e SWG sulle percezioni e le conseguenti abitudini di consumo della popolazione italiana, è emerso che oltre il 50% delle famiglie italiane mantiene un atteggiamento improntato al risparmio nonostante siano rientrati in parte gli allarmi sul reddito dei primi mesi di pandemia. Inoltre, la pandemia ha creato molte incertezze e le persone hanno timore di utilizzare mezzi pubblici, frequentare cinema, teatri, palestre e piscine. E quindi, si rafforzano i servizi a distanza, tornando a crescere la tendenza ad acquistare online, rafforzato anche dalla comodità, oltre che da una scelta più ampia di prodotti e con costi più contenuti. La fase di lockdown, la stessa emergenza sanitaria, ha prodotto un cambiamento significativo nei comportamenti di acquisto, una persona su due si è spostata su valori collettivi e sociali rispetto a quelli individuali, aprendo quindi una stagione completamente nuova nella segmentazione della clientela e nelle strategie dei brand. Questo si riflette anche sulle aspettative nei confronti di istituzioni e aziende che senza un positivo senso del futuro e la fiducia nelle abilità di istituzioni e organizzazioni di fare piani concreti per il benessere collettivo non ripartiranno consumi, innovazione e pratiche sociali positive e inclusive è stato il commento di Donato Ferri, Med Consulting and People Advisory Services Leader di EY, durante i lavori del Digital Summit. In pratica, i cambiamenti più rilevanti che le persone si attendono sono inerenti alla rivoluzione della mobilità e allo smart working. Il green si conferma in ogni caso il driver di scelta centrale dei nuovi stili di consumo; inoltre le persone sono più propense d acquistare da brand che salvaguardano il benessere di dipendenti e clienti e con una leadership concreta che agisce con un impatto positivo sulla società. I migliori settori sul web sono la spesa online (+82%), gaming (+75%), food delivery (49%) e video streaming (+38%) mentre peggiorano sul dettaglio il fashion & luxury (-66%), la ristorazione (-74%), il turismo (-88%) e la mobilità (-93%). Anche l’Antitrust fa la sua parte con i consumatori e accende il faro su 13 società di gas e luce, reclamando poca trasparenza sulle conidizioni economiche della fornitura. Procedimenti istruttori aperti nei confronti delle società Enel Energia, Optima, Green Network, Illumia, Wekiwi, Sentra, Olimpia-Gruppo Sinergy, Gasway, Dolomiti Energia, E.On, Axpo, Audax e Argos, dovuti sia alla documentazione contrattuale che alla comunicazione promozionale. E mentre l’economia ritrova la sua forma, la Borsa Italiana passa a Euronext per 4,325 miliardi, il consorzio paneuropeo di cui fanno parte anche il gruppo Intesa Sanpaolo e Cassa Depositi e Prestiti Equity che a sua volta acquisirà il 7,3% di Euronext.

Post recenti

Mostra tutti

Google nel mirino dell'antitrust

Google ancora nel mirino dell'antitrust. Questa volta per abuso di posizione dominante. Infatti, la società, controllata da Alphabet Inc, secondo l'antitrust, avrebbe violato l'articolo 102 del Tratta

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon