La competitività del sistema giustizia

Aggiornato il: 6 mar 2020

La Cassazione è intervenuta in tema di responsabilità disciplinare per il ritardo del magistrato nel deposito della sentenza. Si tratta di una pronuncia rilevante anche alla luce della competitività del sistema e dell’appetibilità di investimenti nel nostro Paese. In tema di responsabilità disciplinare del magistrato, la sostenibilità del cd. "piano di rientro" per lo smaltimento dei procedimenti o processi in cui siano maturati dei ritardi nel deposito dei relativi provvedimenti, predisposto dal presidente del Tribunale ai sensi del punto 60.4 della circolare del Consiglio superiore della magistratura sulla formazione delle tabelle di organizzazione degli uffici giudiziari, seppur concordato con il magistrato interessato, è elemento indefettibile - stabilito dalla stessa fonte abilitante il potere organizzativo - del programma di riduzione dei ritardi e, quindi, misura del comportamento rilevante sul piano dell'illecito disciplinare di cui al d.lgs. n. 109 del 2006, art. 2, comma 1, lett. n) che, in detta specifica concretizzazione, richiede la necessaria verifica della esigibilità della condotta di riparazione richiesta al magistrato, la quale, evidentemente, tende a evitare addebiti ridondanti in ipotesi di responsabilità oggettiva.


Post correlati

Mostra tutti

Per la tutela

del tuo risparmio

Dalla rete