• Giuseppe Politi

Industria, costruzioni e servizi, in aumento i prezzi

Aggiornato il: set 1

A luglio i prezzi alla produzione dell’industria aumentano dello 0,2% su base mensile e diminuiscono del 4,2% su base annua. Sul mercato interno i prezzi segnano un incremento congiunturale dello 0,4% e un calo tendenziale del 5,4%. Al netto dell’energia, i prezzi non variano su base sia mensile sia annua. Sul mercato estero i prezzi registrano invece una diminuzione congiunturale dello 0,2%. Su base annua la loro flessione, è più contenuta rispetto a quella sul mercato interno, pari a -0,9% (-0,8% per l’area euro, -0,9% per l’area non euro). Nel trimestre maggio – luglio 2020 flettono i prezzi alla produzione dell’industria a -1,8% sul trimestre precedente; la dinamica congiunturale negativa dei prezzi è maggiore sul mercato interno (-2,5%) rispetto al mercato estero (-0,4%). Fra le attività manifatturiere, gli aumenti più elevati sono nei settori computer, prodotti di elettronica e ottica (+0,8% mercato interno, +4,7% area non euro), mezzi di trasporto (+0,9% mercato interno, +1,2% area euro, +1,0% area non euro) e altre industrie manifatturiere, riparazione e installazione di macchine e apparecchiature (+0,8% mercato interno, +1,2% area euro, +3,3% area non euro). Le flessioni più ampie si rilevano per coke e prodotti petroliferi raffinati (-20,7% mercato interno, -6,2% area euro e -26,6% area non euro). A luglio 2020 i prezzi alla produzione delle costruzioni per “Edifici residenziali e non residenziali” crescono dello 0,1% su base mensile e diminuiscono dello 0,1% su base annua. I prezzi di “Strade e Ferrovie” si riducono dello 0,1% in termini congiunturali e dello 0,2% in termini tendenziali. Nel secondo trimestre 2020 i prezzi alla produzione dei servizi aumentano dello 0,5% sul trimestre precedente e diminuiscono dell’1,1% su base annua. La flessione più ampia è nei servizi di telecomunicazione (-15,4%); l’aumento tendenziale maggiore, i servizi di trasporto aereo (+21,7%).

Post recenti

Mostra tutti

Google nel mirino dell'antitrust

Google ancora nel mirino dell'antitrust. Questa volta per abuso di posizione dominante. Infatti, la società, controllata da Alphabet Inc, secondo l'antitrust, avrebbe violato l'articolo 102 del Tratta

Gualtieri: "No alla violenza"

Davanti alla proteste che hanno coinvolto le più grandi città italiane anche il ministro dell'economia Gualtieri ha voluto schierarsi contro la violenza che è stata messa in atto nelle piazze dai prot

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon