• La Redazione

Sempre più Investimento Sostenibile e Responsabile

Spesso abbreviato con l’acronimo SRI, dall’inglese Sustainable and Responsible Investment, l’Investimento Sostenibile e Responsabile mira a creare valore per l’investitore e per la società nel suo complesso attraverso una strategia di investimento orientata al medio-lungo periodo che, nella valutazione di imprese e istituzioni, integra l’analisi finanziaria con quella ambientale, sociale e di buon governo. Il perimetro degli investimenti sostenibili e responsabili (Sri) è molto ampio. L'analisi finanziaria si intreccia necessariamente con quella ambientale e sociale, pretendendo buone pratiche di gestione. In alcuni casi, ci sono settori esplicitamente esclusi (non solo per il loro impatto ambientale ma anche per le ricadute sociali, come nel caso delle armi o del tabacco). In altri, rientrano negli investimenti sostenibili le attività che rispettano precisi standard internazionali, definiti ad esempio dalle grandi organizzazioni internazionali, come l'Ocse o l'Onu. Ma perché la sostenibilità è diventata un valore? In un mondo che sta prendendo coscienza dei cambiamenti climatici e con i governi impegnati a costruire nuovi quadri normativi, la sostenibilità permette di guardare con meno rischi al medio-lungo periodo. Le attività a forte impatto ambientale, ad esempio, possono essere penalizzate dall'approvazione di norme più stringenti. Oppure andare incontro a sanzioni se i propri standard non fossero adeguati. Da questo punto di vista, quindi, sono più rischiose. La sostenibilità “sociale” comporta vantaggi in termini di reputazione, ma mette anche al riparo da possibili cause di dipendenti, clienti e azionisti. A questi elementi si aggiungono due novità relativamente recenti che supporteranno la crescita degli investimenti sostenibili. La prima riguarda una maggiore disponibilità di dati, grazie alla tecnologia in grado di rilevarli e analizzarli. Nello specifico gli investimenti sostenibili e responsabili possono essere classificati secondo varie strategie, ognuna contraddistinta da specifici obiettivi e metodologia. La prima è quella delle Esclusioni, ossia un approccio che prevede l’esclusione esplicita di singoli emittenti o settori o Paesi dall’universo investibile, sulla base di determinati principi e valori. Tra i criteri più utilizzati, ad esempio, troviamo: le armi, la pornografia, il tabacco, i test su animali. Un altro criterio è quello delle convenzioni internazionali, che applica una selezione degli investimenti basata sul rispetto di norme e standard internazionali. Gli standard più utilizzati sono quelli definiti in sede OCSE, ONU o dalle Agenzie ONU, ad esempio, il Global Compact, le Linee Guida dell’OCSE sulle multinazionali, le Convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. Un terzo criterio di selezione riguarda l’applicazione del principio Best in Class, approccio che seleziona o pesa gli emittenti in portafoglio secondo criteri ambientali, sociali e di governance, privilegiando gli emittenti migliori all’interno di un universo, una categoria o una classe di attivo. L’approccio degli investimenti tematici è parecchio diffuso, e si basa sulla selezione degli emittenti in portafoglio secondo criteri ambientali, sociali e di governance, focalizzandosi su uno o più temi. Alcuni esempi: i cambiamenti climatici, l’efficienza energetica, la salute, ecc. L’Engagement è un attività che si sostanzia nel dialogo con l’impresa su questioni di sostenibilità e nell’esercizio dei diritti di voto connessi alla partecipazione al capitale azionario. Si tratta di un processo di lungo periodo, finalizzato ad influenzare positivamente i comportamenti dell’impresa e ad aumentare il grado di trasparenza. Infine limpact investing verifica gli investimenti in imprese, organizzazioni e fondi realizzati con l’intenzione di generare un impatto socio-ambientale positivo e misurabile, assieme a un ritorno finanziario. Può essere realizzato sia in Paesi emergenti sia sviluppati, come ad esempio gli investimenti in microfinanza, social housing, green o social bond.

Post recenti

Mostra tutti

Le cause di una bolla speculativa

Razionalità limitata, scarsa capacità di autocontrollo ed influenze sociali. In un sondaggio americano condotto tra investitori benestanti è emerso che le aspettative di lungo periodo per un investime

IL CONSTANTE CALO DEGLI INVESTIMENTI IN ITALIA

Gli investimenti privati in Italia avevano ripreso ad aumentare da inizio 2015 fino all’inizio del 2018; con il recupero che è stato guidato dagli investimenti in macchinari e mezzi di trasporto, spin

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon