Blockchain e norma antiriciclaggio: l’Autorità di Vigilanza Svizzera si pronuncia


Recentemente l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari svizzera (FINMA) ha emanato una comunicazione concernente l’applicazione dei requisiti normativi per il traffico dei pagamenti nella blockchain per i fornitori di servizi finanziari assoggettati alla propria vigilanza. Sostanzialmente la FINMA ritiene che i modelli commerciali basati sulla blockchain non possano andare esenti dalla applicazione del quadro regolamentare vigente, è ciò comporta certamente, secondo la FINMA, la applicabilità delle disposizioni attinenti la lotta al riciclaggio ed il finanziamento del terrorismo. Tale ambito di regolamentazione infatti appare ancor più necessario nel mondo della blockchain, dove l’anonimato è la regola ed i rischi crescono.

La Svizzera ha già considerato i token quali valori patrimoniali, applicando di conseguenza ai fornitori di servizi nel settore blockchain la Legge sul riciclaggio di denaro, imponendo agli operatori sotto la vigilanza FINMA l’invio e la ricezione di criptovalute ai e dai soli wallet esterni dei propri clienti e da nessun altro.

Presupposti analoghi a quelli che hanno animato la FINMA sono stati peraltro alla base dei lavori del Gruppo d’Azione Finanziaria Internazionale (GAFI), al termine dei quali sono state pubblicate regole che esigono proprio che le attuali norme in materia di lotta al riciclaggio di denaro si applichino ai fornitori di servizi nel settore blockchain.

#blockchain #riciclaggio #servizifinanziari

Post recenti

Mostra tutti

Covid, Fmi: povertà estrema, appello vaccinazioni

Secondo le ultime stime di Fmi, nel 2020-2021 circa 90 milioni di persone scivoleranno nella povertà estrema avendo redditi pro capite inferiori ai livelli del 2019. Questo dato potrebbe riversarsi a

Salone del Risparmio
Quando
Jun 22, 9:00 AM
Dove
Fieramilanocity,
Viale Lodovico Scarampo, 20149 Milano MI, Italia

Per la tutela

del tuo risparmio

Dalla rete