• Elena Albricci

Amministratore revocato, cosa fare dopo


La legge prevede che l’amministratore che compie gravi irregolarità, (ad esempio l’omessa presentazione del rendiconto per più annualità, la mancata apertura ed utilizzazione del conto corrente condominiale, la mancata esecuzione di provvedimenti giudiziali o di delibere assembleari, nel caso di gravi irregolarità fiscali, etc) uno o più condomini possono chiedere giudizialmente la sua revoca. Tuttavia una delle domande più ricorrenti prima di intraprendere tale procedimento riguarda il fatto relativo a chi è legittimato a nominare il nuovo amministratore. Erroneamente, infatti, si pensa che sia lo stesso giudice a nominare un nuovo amministratore, ma non è sempre così. Questo perché il procedimento di revoca è finalizzato esclusivamente all’individuazione dei gravi motivi sanciti dal codice, il giudice non ha altri poteri. Si aggiunga inoltre che è lo stesso codice civile a sancire all’art. 1129 c.c. che nel caso di condomini con più di otto partecipanti ai fini dell’ottenimento della nomina del nuovo amministratore è solo l’assemblea che può provvedere.


Post recenti

Mostra tutti

Sospensione del canone di locazione

Giurisprudenza si è pronunciata più volte sulla legittimità della sospensione dei canoni di locazione da parte del conduttore in caso di inadempimento del locatore. In particolare, giurisprudenza magg

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon