• Paolo Baruffaldi

La Cassazione sul dovere informativo della banca

La Suprema Corte di Cassazione con l'Ordinanza numero 18153 del 2020 ha affermato che la banca non è mai esonerata dall'obbligo di informare in modo preciso il cliente che desidera effettuare degli investimenti. Sul punto la Corte ha chiarito come l’investitore, anche qualora avesse dimostrato competenza negli investimenti e avesse in passato eseguito operazioni su titoli con un grado di rischio elevato, avesse comunque diritto ad un’informativa puntuale dal parte della banca. Il ricorrente quindi ricorreva in Cassazione denunciando la violazione o la falsa applicazione degli artt. 21 d.lgs. n. 58 del 1998 e 28, commi 1 e 2, 29 reg. Consob n. 11522 del 1998. La Corte pertanto con la citata Ordinanza riafferma i seguenti principi:"In tema di intermediazione finanziaria, l'intermediario non è esonerato, in presenza di un investitore pur aduso ad operazioni finanziarie a rischio elevato che risultino dalla sua condotta pregressa, dall'assolvimento degli obblighi informativi, prescritti in generale e senza eccezioni dall'art. 21 d.lgs. n. 58 del 1998, con le relative prescrizioni di cui al regolamento Consob n. 11522 del 1998, e successive modificazioni, permanendo in ogni caso l'obbligo primario dell'intermediario di offrire la piena informazione circa la natura, il rendimento ed ogni altra caratteristica del titolo." "Pur non potendo mai il danno derivante all'investitore dall'inadempimento degli obblighi informativi dell'intermediario considerarsi in re ipsa, tuttavia, in assenza dell'assolvimento dell'obbligo informativo dell'intermediario previsto dalla legge, sussiste una presunzione dell'esistenza del nesso di causalità, quanto all'avvenuta effettuazione di una scelta non consapevole da parte dell'investitore, senza che la precedente o la contestuale condotta di investimento in altri titoli rischiosi esoneri dall'adempimento degli obblighi informativi in capo all'intermediario, né integri la prova contraria su di lui gravante."

Post recenti

Mostra tutti

Confindustria Bergamo vicina al presidente pasini

l presidente di Confindustria Bergamo Stefano Scaglia e tutti i suoi associati esprimono la massima solidarietà e vicinanza al Presidente di Confindustria Brescia Giuseppe Pasini, vittima di una nuova

Accademia Manageriale per Imprenditori Artigiani

Si è conclusa mercoledì 23 settembre nell’Auditorium della sede di via Torretta, con la cerimonia della consegna degli attestati, la prima edizione di «AccadeMIART – Accademia Manageriale per Imprendi

Smart working: opportunità e rischi

Smart working: opportunità e rischi Lunedì 28 settembre 2020 alle 15:00 consiglieri ed esperti dibatteranno su opportunità e rischi del lavoro agile. La seduta di questo Consiglio camerale tematico è

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon