• Elena Albricci

Nuovi accordi tra Ict e le istituzioni Europee

Nel corso della seconda riunione dell’Hague Forum (la piattaforma di collaborazione tra le autorità pubbliche) organizzata dal Ministero della Giustizia Olandere e dalla Commissione Europea il primo e tra i più importati punti di discussione ha riguardato il ruolo dei giganti dell’ICT e l’utilizzo di soluzioni e servizi volte al rispetto del trattamento dei dati. In particolare, durate l’incontro l’EDPS ha pubblicato uno studio relativo all’utilizzo delle piattaforme da parte delle pubbliche amministrazioni. L’obbiettivo di tale studio era proprio rivolto al rispetto delle norme sulla protezione dei dati, sopratutto quanto riguardano la negoziazione di contratti o la fornitura di servizi. Lo studio sottolinea l’importanza di un’indipendenza digitale europea, ponendo l’accento sulla necessità di normative più stringenti relative agli accordi contrattuali con i service provider. Il rispetto dei dati sopratutto quanto di parla di provider deve sempre essere messo al primo posto, altrimenti si rischia che il mondo di internet li inghiottisca e li renda pubblici. Per raggiungere questo risultato servono, pertanto, più regole e maggiori responsabilità nel definire in modo chiaro i metodi per la minimizzazione dei rischi privacy.

Post recenti

Mostra tutti

Prime sanzioni per mancanza della nomina di DPO

La scorsa settimana abbiamo parlato della figura del DPO, ovvero del responsabile per la protezione dei dati. Tale figura è obbligatoria in aziende con particolari requisiti, sanciti dall’art. 37 del

Il giusto compenso del DPO

Il regolamento Europeo n. 679/2016 ha introdotto la figura del DPO, considerato il maggior esperto in tema privacy in azienda, il DPO è un soggetto il cui compito è quello di organizzare il trattament

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon