• La Redazione

Un mare di rifiuti … in tutto il mondo

Il commercio illegale di rifiuti di plastica sta crescendo in tutto il mondo. Lo conferma un rapporto dell'Interpol pubblicato il 27 agosto. Il fenomeno si è accentuato da quando all'inizio del 2018 la Cina ha chiuso i confini all'importazione di alcuni tipi di rifiuti, che da allora sono stati deviati verso altri paesi asiatici laddove vengono bruciati localmente smaltite in discariche clandestine.

Un fondamentale supporto in tal senso viene dato alla criminalità organizzata, trasversalmente presente laddove vi siano attività economiche “deviate”. Per i Paesi che ricevono i rifiuti, le conseguenze sono drammatiche: in Vietnam, per esempio, l’88 percento dei rifiuti è non smaltito regolarmente, ma con il ricorso a “metodi alternativi. La mafia cinese si caratterizza per una capacità consolidata di gestire la logistica a livello europeo", dice Antonio de Bonis, coordinatore dell’associazione di ricerca Geocrime Academy.



Post recenti

Mostra tutti

Greenpeace: parte il Tour del Tirreno

Al via il 16 luglio 2020 il tour del Mar Tirreno, organizzato da Greenpeace, con l’obiettivo di valutare lo stato di inquinamento (particolarmente da plastiche e micro-plastiche) e analizzare l’impatt

Rapporto Eurostat sui progressi Europei

Eurostat ha pubblicato un rapporto concernente i progressi dell’Unione Europea lungo il cammino diretto al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS). L’analisi, fondata su circa 100

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon