Digitale, le imprese italiane a che punto sono


Il livello di digitalizzazione delle imprese italiane, sia grandi aziende che PMI, è particolarmente importante per il sistema economico italiano. Delle oltre 5 milioni di Partite IVA attive in Italia, sono infatti circa 3,2 milioni le imprese individuali. Le micro imprese (da 2 a 9 dipendenti, secondo la definizione del Decr. Min. 18 aprile 2005) sono 1,5 milioni. Le piccole e medie imprese (PMI), tra 10 e 249 dipendenti, sono 250.000, mentre le grandi imprese (da 250 addetti in su) sono solamente 4500. Il digitale è, oggi, un fattore imprescindibile per la competitività di ognuna di queste imprese ed è una leva indispensabile per migliorare i processi in termini di efficienza e di efficacia. Digitalizzare nell’ambito del Business to Business (B2B) significa dematerializzare i documenti, passare da una gestione analogica a una gestione elettronica integrata delle diverse informazioni operative e strategiche. L’uso delle tecnologie digitali a supporto dei processi aziendali non è ancora totalmente pervasivo. Sono circa 120.000, in crescita del 20%rispetto all’anno precedente, le imprese in Italia che utilizzano strumenti digitali nel quale c’è interesse per le collaborazioni nei processi di marketing e comunicazione (adottate dal 30% delle imprese), meno nello sviluppo di nuovi prodotti (14%).


Post recenti

Mostra tutti

Inail: oltre 66mila i contagi sul lavoro

In data 31 ottobre l'Inail ha dichiarato che "i contagi sul lavoro da Covid-19 denunciati all'Inail alla data del 31 ottobre sono 66.781, pari al 15,8% del complesso delle denunce pervenute dall'inizi

Gualtieri: rinvio delle tasse

Si fanno sempre più insistenti le voci che chiedono il rinvio delle tasse da parte di tutte quelle imprese in perdita che stanno soffrendo a causa della nuova ondata di Coronavirus. Proprio per questi

  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon