Il Coronavirus mina la crescita economica globale

Lo scenario che si presenta agli occhi delle telecamere è desolante: strade vuote, negozi e fabbriche chiuse, aeroporti bloccati, intere città in isolamento.

La verità è che mentre il governo cerca di fermare la diffusione del mortale coronavirus originatosi a Wuhan, l’economia cinese si sta fermando, alimentando il timore che gli sforzi per contenere l’epidemia abbiano conseguenze economiche a livello mondiale. L’epidemia, che ha avuto origine a Wuhan in Cina, sta rappresentando una sfida senza precedenti per l’economia cinese e suscitando timori di un rallentamento dell’economia globale. Più di una dozzina di città cinesi sono attualmente in isolamento per evitare la diffusione del virus: sembra essere iniziata la più grande quarantena nella storia dell’umanità. Ciò significa che oltre 50 milioni di persone non possono entrare e uscire dal Hubei, un’importante provincia commerciale e industriale dove si trova Wuhan. A parte l’impatto sulla manodopera, la Cina è uno dei principali motori dell’economia mondiale, è il più grande produttore manifatturiero al mondo ed importa più petrolio greggio di qualsiasi altro paese. I cittadini cinesi sono anche i più grandi spendaccioni del turismo globale cosicche’ un calo della domanda da parte dei consumatori cinesi potrebbe creare problemi ai paesi che dipendono dalla sua spesa. La chiusura delle fabbriche cinesi ha anche interrotto la fornitura alle aziende automobilistiche ed elettroniche di tutto il mondo che dipendono dalla Cina per i ricambi. I timori dell’impatto economico hanno scatenato l’ansia globale. Per ora imercati azionari sono solo spaventati, ma non scendono più di tanto, mentre i prezzi del petrolio sono in calo, e diversi marchi internazionali, come Apple e Starbucks hanno temporaneamente chiuso i negozi in Cina. Questo riporta alla mente i ricordi dell’epidemia di Sars del 2003, che quell’anno colpì duramente l’economia cinese, ma la Cina oggi è una superpotenza e la seconda economia mondiale. E ciò che accade in Cina ora conta molto di più di quanto non sia stato durante la SARS. L’epidemia del virus sarà probabilmente un’ammaccatura nel sogno cinese, ma un declino dell’importante economia cinese, se perdurante, si farà sentire in tutto il mondo, e l’impatto di questo fatto sarà noto solo nelle settimane e nei mesi a venire.

Post recenti

Mostra tutti

DALLA CRISI SANITARIA ALLA CRISI ECONOMICA

Vale la pena leggere attentamente cosa scrive Consob: "Dopo la prima fase emergenziale, si è accesso il dibattito sulle ripercussioni economiche e sociali della crisi e sulle misure più adeguate per m

Il tempo passa e le cose non cambiano

Mi dispiace, ma io non voglio fare l'imperatore. Non voglio né governare né comandare nessuno. Vorrei aiutare tutti: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi. Tutti noi esseri umani dovremmo unirci, aiuta

Dove stiamo andando?

Ormai è chiaro che viviamo in un paese in cui il buon senso ha seguito il flusso migratorio in atto a livello mondiale, avendo da parecchio tempo lasciato le nostre coste alla ricerca di nuovi lidi. A

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon