• Livio Baj

Xiaomi e il 5G da 200€

Non c'è che dire: Xiaomi sta facendo le cose in grande, ormai da tempo. Non è più un’esperienza rara incontrare interi store o sezioni di negozi dedicati al marchio cinese ed ancor meno conoscere qualcuno che utilizzi uno dei loro device. Accattivanti, ipertecnologizzati e a prezzi ragionevoli, per ora. L’1 Settembre il brand cinese ha annunciato tramite i social media, l’allargamento del suo già ampio catalogo con un nuovo membro della famiglia Mi 10. Il nome completo del nuovo dispositivo non è ancora stato rivelato, ma si vocifera possa essere Xiaomi MI 10 T. Monterà il nuovo processore Qualcomm Snapdragon Serie 7 che esordirà su un dispositivo con caratteristiche di fascia medio alta, ma prezzo di fascia bassa. Il nuovo device della casa asiatica, che non arresta la sua crescita e la produzione continua di terminali, dovrebbe essere dotato anche di un’ ottima tripla fotocamera posteriore (viene, quindi eliminata la quarta fotocamera da 2 MegaPixel, presente sugli altri dispositivi della serie, e ritenuta sostanzialmente inutile), con sensore principale da 64 MegaPixel, sistema di raffreddamento a liquido (già utilizzato sul Mi Note 10 Lite), display Amoled e batteria probabilmente da 4100mAh. A concludere la lunga lista di caratteristiche del dispositivo troviamo la connettività 5G. Niente di stupefacente, visto che l’ orizzonte del mercato telefonico è indubbiamente quello del 5G. Ed è qua che il mantra di Xiaomi – Innovation for everyone – si fa carne e si materializza in un prezzo annunciato che intende fare la storia. Un device 5G che per la prima volta si collocherà nella fascia di prezzo tra i 200 ed i 300 Euro (per la precisione Xiaomi parla di 200€).

Non ci sono eventi in programma
  • RSS
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • YouTube
  • Twitter Social Icon